Archivio

Archivio dell'autore

Ecco le date della ripartenza del volley

Anche numeri e date possono fare la differenza. In assenza di volley giocato, in attesa di tornare a sentire il fischio d’inizio di una gara e l’inconfondibile rumore del pallone a terra, gli appassionati di pallavolo possono incominciare a pregustare la prossima stagione segnandosi qualche data in rosso sul calendario.
Una stagione ancora ricca di incognite e che vedrà sciolti i suoi nodi fondamentali (si ripartirà veramente? lo faremo a porte chiuse? riusciremo a concludere la stagione?) solo tra la fine dell’estate e l’autunno prossimo ma intanto il Comitato Toscano Fipav prova a programmare. Vediamo quali sono le prossime tappe del virtuale countdown che dovrebbe riportarci a gustare il volley di casa nostra.

esultanza vIva
Scadute le iscrizioni online il 27 luglio scorso, il prossimo 10 agosto sarà il termine ultimo per le acquisizioni/cessioni dei titoli, data interessante anche per Quarrata che deve liberarsi della Serie C che il Viva Volley Prato ha rispedito al mittente dopo la promozione d’ufficio, ed il 21 agosto lo sarà invece per l’iscrizione ai tornei regionali.
La palla passerà poi in mano alla Fipav che, in caso di buchi negli organici dei tornei, dovrà decidere i reintegri (entro il 28 agosto) e quindi arriverà alla stesura dei Gironi di Serie C e D femminile e maschile il 10 settembre. Gironi che saranno ben diversi da quelli visti fino ad oggi. I tornei regionali, infatti, saranno più brevi, con meno trasferte ed in campi più vicini lavorando sul concetto di vicinorietà, per facilitare le società sia da un punto di vista economico che logistico. In campo femminile, Serie C e D, i campionati regionali saranno strutturati in 3 Gironi da massimo 12 squadre (in CF 36 totali di cui 27 aventi diritto e 9 reintegrate; in DF 36 totali di cui 33 aventi diritto e 3 reintegri) e vi saranno iscritte Ariete Prato Volley Project (C e D) e Viva Volley (C).

festa Prato
In campo maschile, dato il numero inferiore di squadre, saranno invece formati 2 Gironi da massimo 12 squadre (24 totali tutte aventi diritto) ed in questo caso vi saranno protagoniste le due formazioni del Volley Prato.
Data assolutamente da “circoletto rosso” poi il 7 novembre quando la federazione conta di dare il via ai tornei e quindi di far tornare a vivere le palestre ed a rimbalzare i palloni.
Infine, ci sarà da attendere la Fipav Nazionale e l’organizzazione dei tornei di Serie B, invece, per capire il numero di promozioni e retrocessioni per le varie categorie.

Raffa: ” ragazze funzionali e dedite al lavoro”

Rosa al completo, staff tecnico definito. L’Ariete PVP non ha perso tempo e l’emergenza sanitaria non è stata presa come scusa per rallentare ma come una sfida da superare. In vista di una stagione ancora ricca di dubbi ma con nubi forse meno fosche rispetto a quelle di qualche settimana fa, abbiamo fatto il punto con Giacomo Raffa, al secondo anno sulla panchina della prima squadra dell’Ariete.
Partiamo dal lockdown. Come lo hai vissuto?
“Ci è mancato tantissimo il lavoro in palestra. Lo stop assoluto, il non poter far niente in presenza è stato difficile. Ora le prospettive sembrano invece buone in vista di una ripresa dei tornei. Abbiamo date e appuntamenti fissati dalla Fipav ed anche se le incognite rimangono tante la situazione sembra essersi ben indirizzata”.
Con le ragazze comunque non vi siete persi di vista completamente?
“Siamo stati in contatto costante con tutte le ragazze. Nelle prime tre settimane di luglio siamo anche riusciti ad allenarci. Non abbiamo dato appuntamenti obbligatori ma solo la facoltà di allenarsi in palestra due volte la settimana per gruppi divisi per fasce d’età. Molte ragazze hanno aderito e questo ci ha aiutato a riprendere confidenza con palestra e pallone”.

Raffa
Roster completato a tempo di record. Soddisfatto?
“Siamo molto contenti della rosa che abbiamo allestito. Abbiamo chiuso il mercato a giugno, nonostante il lockdown e questo è un grande merito della società. Certo scegliere i nuovi innesti senza poter provare le ragazze in palestra non è stato facile ma siamo convinti di aver messo assieme un bel gruppo. Abbiamo fatto innesti importanti dal settore giovanile e questo va nella direzione voluta dalla società di arrivare in futuro ad una squadra tutta o per la gran parte fatta in casa. Oltre a questo, però, abbiamo anche riportato a Prato due giocatrici importanti come Legnini e Nelli, che farà coppia nel ruolo di libero con un’altra nuova come Asia Ermini, ed abbiamo acquisito le prestazioni di attaccanti interessanti come Sborigi e Montagni. La prima arriva a Prato dopo anni di tentativi del Presidente di portarla al PVP. La seconda è una ragazza che conosco benissimo per averla allenata e che ci regala garanzie di grande qualità, serietà e dedizione al lavoro. Abbiamo puntato su ragazze funzionali al nostro progetto. Ragazze che hanno grande motivazione e dedizione al lavoro e che quindi possono essere esempi importanti per le più giovani. Abbiamo a disposizione una rosa equilibrata ed omogenea che potrà far forza anche su un gruppo di atlete esperte per crescere”.
Descrivici le caratteristiche principali dei tuoi due nuovi attaccanti. Iniziamo da Chiara Sborigi.
“Chiara è un opposto dotata di un braccio importante e che deve garantirci punti in attacco. Nelle ultime due stagioni ha giocato e si è allenata in B2 e quindi arriva a Prato ricca di un’esperienza importante”
Passiamo ad Alessia Montagni.
“Montagni è per caratteristiche molto simile a Filindassi. E’ un metronomo, una ragazza di equilibrio. Se Scarpelli e Fanelli, più giovani, sono ragazze dal braccio importante, Montagni ci sarà preziosa nei fondamentali di seconda linea e sa far bene anche in attacco grazie a tanta esperienza e manualità. A loro, come detto, aggiungiamo quattro 2003 di qualità. Una è appunto Silvia Fanelli ma non dimentichiamo Vittoria Bardazzi, Marta Mennini, Agnese Forasassi”.
Dopo alcune stagioni di assenza, torna il derby.
“Non sappiamo ancora come saranno strutturati i gironi ma è estremamente probabile che avremo il derby con le cugine del Viva Volley. Sarà bello anche se a togliere fascino alle gare potrebbe esserci lo stop al pubblico, almeno in una prima fase di campionato”.

Sborigi e Montagni per l’attacco del PVP

Due nuovi arrivi, due ragazze su cui Prato conta per rinforzare il reparto attaccanti. Chiara Sborigi (foto in primo piano) e Alessia Montagni sono due dei volti nuovi che il PVP ha messo a disposizione di Giacomo Raffa per questa sua seconda stagione alla guida della prima squadra del progetto e da loro staff tecnico e società si attende un contributo importante nel regalare uscite offensive preziose per le mani di Matilde Bartolini.

Sborigi arriva da esperienze importanti a Calenzano, Campi Bisenzio ed in B2 a Firenze (sponda Liberi e Forti) è una classe ’95 dal braccio importante e dall’esperienza ormai consolidata in categoria. “Sono entusiasta di essere entrata a far parte di questo organico a Prato – sono le prime parole di Chiara da giocatrice del PVP – Erano già diversi anni che avrei voluto intraprendere questa strada ma per varie situazioni la cosa non si era poi mai concretizzata. Spero di passare una bella annata assieme alle nuove compagne di squadra e tutto lo staff, con la possibilità di potersi togliere qualche soddisfazione. Abbiamo tutte le carte in regola per poterlo fare. Non vedo l’ora di riprendere a lavorare in palestra e iniziare questa nuova stagione”.

Montagni

Alessia Montagni

Per dar peso all’attacco pratese, come detto, Raffa potrà contare poi su Alessia Montagni. Classe ’96, Alessia arriva da Firenze, sponda Olimpia Poliri, ed oltre alle doti offensive porta con sé qualità importanti anche come ricettore. Insomma, una giocatrice completa per la categoria che associa a queste qualità tanta umiltà e cultura del lavoro in palestra.  “Prato penso sia un’occasione di crescita personale – dice Alessia – Poter lavorare con ragazze più grandi e con maggiore esperienza di me mi ha sempre dato uno stimolo in più a migliorarmi. Mi aspetto molto da questo anno, non vedo l’ora di cominciare”

 

Cioppi si “coccola” il suo Viva

Sorridente e concentrata. Facile definire Sandra Cioppi adesso. Adesso che è potuta tornare a lavorare in palestra, nel suo ambiente naturale, e che ha potuto “rimettere mano” sulle sue ragazze. Gruppo storico e nuovi arrivi sono al lavoro dal 22 giugno ed a Cioppi abbiamo chiesto sensazioni e motivazioni di questo strano periodo.
“Sono felice di aver ripreso a lavorare in palestra – dice Sandra Cioppi – Tre mesi e mezzo di stop, il non aver potuto concludere il campionato è stato pesante e poter tornare ad allenarci, pur tra mille limitazioni e precauzioni, è stato fantastico”.
A questo aggiungi che siete tornate ad allenarvi con la massima categoria regionale in tasca.
“Per come sono fatta io quello passa in secondo piano. Avrei preferito conquistarla sul campo. E’ vero che al momento dello stop eravamo primi in classifica, e quindi la promozione è a suo modo meritata, ma è anche vero che le avversarie erano molto vicine a noi e che il finale sarebbe stata una battaglia molto bella ed intensa. Purtroppo l’emergenza sanitaria ha fermato tutto ed allora ci teniamo stretta la promozione per meriti sportivi come un risarcimento da parte della sorte di quanto ci ha tolto nei tre mesi di stop”.
Come hai trovato le ragazze dopo il lungo stop?
“Meglio di come mi sarei attesa. Hanno subito ritrovato il tempo sulla palla e le ho viste immediatamente a loro agio. Del resto stiamo parlando di ragazze di qualità caratteriali e tecniche importanti e quindi non avevo molti dubbi. Semmai dobbiamo lavorare sul tono muscolare ma questo è meno grave”.
Già da queste tue parole si capisce che sei molto soddisfatta della rosa allestita dalla società.
“Abbiamo una squadra divertente. Un gruppo con ottime giovani ma anche con ragazze esperte. Sono convinta che potremo dire la nostra contro tutti anche in Serie C e questo mi fa lavorare serena”.
Si parla di tre gironi a 12 squadre con un finale poi molto probabile ai play off. Se la formula fosse questa che ne penseresti?
“Difficile fare valutazioni. Usciamo da una situazione che ha azzerato molte delle nostre certezze in quasi tutti i campi e quindi anche per quello che riguarda il nostro piccolo mondo dobbiamo ritararci completamente. Dobbiamo vedere il livello delle avversarie, capire quante formazioni sono salite dalla D. Insomma, mille variabili che rendono impossibile una valutazione di quello che ci attende”.

eleonora Nesi

Eleonora Nesi

Tre i nuovi innesti. Partiamo da una ragazza che conoscevi già molto bene e cioè la pratese doc Eleonora Nesi. Come l’hai trovata?
“Eleonora caratterialmente è la giocatrice perfetta da allenare. Parla poco, non si lamenta mai e si allena duramente. A queste sue qualità innate ha aggiunto negli anni di Quarrata nozioni tecniche importanti ed un bagaglio d’esperienza di primo livello e questo ci mette a disposizione una giocatrice che in categoria può fare la differenza ed un punto di riferimento certo per tutta la squadra”.

Noemi Bonaiuti

Noemi Bo

Noemi Bonaiuti invece la conoscevi solo come avversaria.
“E’ una ragazza esperta che ha ottime qualità tecniche. Anche lei come tante sue compagne, deve lavorare per ritrovare tono muscolare ma è sicuramente una risorsa importante per la nostra squadra ed assieme a Asia Gianni compone una coppia di registi di ottima affidabilità. Si è presentata in palestra con atteggiamento positivo e propositivo e questo è importante”.
Infine, altra ragazza pratese e che conoscevi benissimo è Sara Giuliani.
“E’ un centrale che mi è sempre piaciuto e che ammiravo anche quando era al PVP. E’ arrivata motivata, ha ritrovato ragazze con cui aveva già giocato e credo che potrà fare molto bene. Anche lei caratterialmente è una positiva e che lavora molto. Insomma, in generale, si parla poco e si lavora molto come piace a me”.

Il Viva prepara il futuro

Suda e fatica il Viva ma lo fa con l’entusiasmo di chi ha ripreso a fare ciò che ama dopo uno stop forzato. Maliseti e Iolo sono queste le due palestre da dove il Viva cerca di ripartire. Faticosamente ma con la gioia nel cuore di una promozione acquisita per meriti sportivi e con un futuro, reso incerto dal panorama sanitario nazionale, ma comunque nel massimo campionato regionale.
Un futuro dal quale la società pratese cerca di non farsi sorprendere appunto lavorando sodo.

da sx Nuti e Becheri

Massimo Nuti e Massimo Becheri

“Siamo in palestra dal 22 giugno e vi rimarremo fino alla fine di luglio – dice il Presidente Becheri – Ci siamo organizzati con gel igienizzante, sanitizzazione di palestra e palloni, distanziamento, controllo della temperatura e divieto di utilizzo degli spogliatoi. Certo non è il massimo ma è quello che possiamo fare e lo facciamo con entusiasmo”.
Entusiasmo per una stagione che, nonostante l’emergenza sanitaria, ha comunque portato la tanto agognata promozione e per una rosa già completa. Come vi immaginate la prossima stagione?
“Risulta difficile immaginare il futuro. Siamo convinti di aver allestito una buonissima squadra e ma tutto dipende da come saranno organizzati i tornei. Si parla di tre gironi da 12 squadre ma ancora sono solo indiscrezioni. Di sicuro sappiamo solo che la data d’inizio del giovanile è fissata per il 24 ottobre mentre la Serie C dovrebbe iniziare il 7/8 novembre. Per il resto il futuro è poco leggibile”.
L’importante è farsi trovare pronti per qualsiasi evenienza insomma?
“Stiamo a cosa decideranno le autorità competenti. L’emergenza sanitaria non è ancora passata e non sappiamo quando finirà. Dal canto nostro non possiamo che lavorare, allenarci e farci trovare pronti poi vedremo”.

Il Volley Prato non rinuncia alle sue ambizioni

Ambizione e programmazione. Questo il doppio binario che sta seguendo il Volley Prato. Un doppio filo rosso mai abbandonato neppure nel periodo di lockdown e che la società del Presidente Giovanni Giuntoli a maggior ragione segue fedelmente anche in questi giorni. Giorni in cui, dopo il via libera delle autorità nazionali, si è ripreso a giocare sei contro sei.

Temperatura
Una ripresa tra mille precauzioni ma comunque una ripresa frutto di una disciplina ferrea che la società si è data immediatamente. Ingresso ed uscita distinti, controllo della temperatura all’arrivo in palestra, gel per le mani utilizzato dopo ogni azione, niente spogliatoi, divieto di utilizzare la doccia ed alla fine della giornata sanitizzazione della palestra stessa. Un dedalo di adempimenti e precauzioni impensabili fino a qualche mese fa ma che oggi fa parte della vista sportiva di ognuno dei ragazzi del Volley Prato ed a cui, tutto sommato, ci si sottopone anche volentieri se poi il premio finale è giocare a pallavolo.

Ingressi
Un presente complesso per iniziare a programmare un futuro come sempre ambizioso.
“Il nostro obbiettivo è posizionare le nostre due prime squadre in Serie B e C – dice infatti il direttore tecnico Mirko Novelli – Ci eravamo dati due stagioni per raggiungere questi traguardi e non vogliamo recedere dai nostri programmi, nonostante tutto”.
Nonostante la pandemia e lo stop forzato? “Abbiamo ripreso l’attività per primi con tutti i gruppi, dai 2010 alla Serie C. Abbiamo una prima squadra al completo e rodata ed una Serie D con ragazzi più esperti di un anno. Insomma, non c’è motivo per cambiare i programmi anche se, ovviamente, andranno poi verificati alla luce di quello che succederà nei prossimi mesi dal punto di vista sanitario”.
Una stagione come questa però non può non aver inciso almeno sui più giovani?
“Per le giovanili il discorso è molto diverso. Hanno visto interrompersi bruscamente il loro percorso tecnico di crescita ed alla ripresa troveranno ad attenderli una categoria diversa ed una rete più alta. Abbiamo una Under 19 competitiva e che è già strutturata per far bene. Per gli altri gruppi dovremo lavorare sodo per recuperare i mesi persi e, anche se non partiamo tra le favorite, puntiamo come sempre a far bene, crescere e, dove possibile, a vincere”.

Viva promosso per merito sportivi

Viva Volley promosso per meriti sportivi. La notizia è delle ultime ore ed è un raggio di sole in un’estate difficile per tutto il movimento cittadino. Il Viva Volley, che al momento dello stop dei tornei era primo nel suo girone di Serie D e 3° in Toscana per la classifica avulsa, è stato promosso nella categoria superiore per “meriti sportivi”.
Una soddisfazione per la società del Presidente Becheri, che si vede così riconosciuto in qualche modo la grande stagione condotta fino allo stop, ma anche un piccolo problema visto che adesso la società pratese dovrà rivedere gli accordi presi con Quarrata per lo scambio di categorie. Il Viva , infatti, non aveva atteso le decisioni della federazione e, volendo completare la rosa in fretta dando risposte certe a giocatrici appetite anche da altre piazze, aveva formalizzato la cessione della propria Serie D in cambio della Serie C del Quarrata. Una manovra che aveva fatto contente entrambe le società ma che adesso non può più essere portata a termine.
Aldilà di questo, però, una bella notizia ed una spinta ulteriore al lavoro per il gruppo allenato da Sandra Cioppi che in questi giorni è tornato in palestra e che, proprio per trovare il miglior tra nuovi arrivi e giocatrice già in rosa nella stagione appena conclusa, rimarrà a lavoro per tutto il mese di luglio.

Il Viva torna in palestra

Il Viva torna a correre. Acquisita la Serie C, definito il roster della prima squadra, la società del Presidente Becheri dalla prossima settimana farà un ulteriore passo verso la stagione 2020-2021 riprendendo gli allenamenti nelle palestre Sem Benelli di Iolo e nella Don Bosco di Maliseti.
Un passo simbolico ma, visti i tempi, importante. Un passo per compiere il quale la società pratese si è dotata di un proprio “protocollo anticontagio” a cui allenatori, atlete e dirigenti dovranno attenersi. Riprenderanno gli allenamenti le ragazze di tutti i gruppi creati dal DS Massimo Nuti, a cominciare, come detto, da quella della Serie C, guidato da Sandra Cioppi, rinnovato e rinforzato dagli innesti di Eleonora Nesi, fino all’anno passato in forza al Quarrata in B1, e di Noemi Bonaiuti, regista di qualità la scorsa stagione in forza al Calenzano. Insomma, dopo che nel maschile il Volley Prato aveva fatto praticamente da apripista a livello nazionale riprendendo l’attività all’aperto e dopo che la stessa società del Presidente Giuntoli aveva annunciato la ripresa indoor per il 25 giugno, anche in campo femminile ci si muove alla ricerca di una normalità che fino a qualche settimana fa sembrava ancora drammaticamente e forse irrimediabilmente lontana.

TO Viva
“La prossima settimana torniamo in palestra – annuncia il Presidente Becheri – Abbiamo sanificato ed igienizzato gli impianti di Iolo e Maliseti e adesso siamo pronti a far rientrare le ragazze e gli allenatori. Abbiamo redatto un protocollo che abbiamo inviato alle famiglie e riportiamo ad allenarsi tutte le nostre squadre, ad iniziare dalla prima squadra. Lavoreremo seguendo rigidamente le regole del distanziamento sociale e da questo punto di vista ci sarà d’aiuto il fatto che i gruppi non potranno essere al completo visto che la scuola è finita e se alcune ragazze hanno la maturità altre sono già in vacanza lontano da Prato. L’importante, però, è ripartire, tornare a fare quello che amiamo. A maggior ragione per un gruppo come la Serie C che ha necessità di lavorare assieme per amalgamare vecchie e nuove atlete”.

Volley Prato pronto alla “fase 3”

Prima squadra confermata e pronti alla “fase 3”. Prosegue l’estate strana del Volley Prato che, tra le prime nel mondo del volley, è tornata ad allenarsi in spazi aperti e che attende il 25 giugno per riportare finalmente i propri atleti dentro una palestra. Un lavoro quotidiano che va di pari passo con la programmazione del futuro. Di tutto questo abbiamo parlato con il direttore tecnico Mirko Novelli.
La prima domanda è sul mercato della prima squadra. La prima squadra del Volley Prato può dirsi già fatta per la prossima stagione? “Ho chiesto ai ragazzi della Serie C di farmi sapere se qualcuno avesse problemi a rimanere con noi. Nessuno mi ha comunicato niente e quindi ripartiamo con la rosa della stagione scorsa. Dobbiamo valutare la disponibilità di due ragazzi, Marchi e Anatrini, che per motivi di studio potrebbero avere delle difficoltà ma per il resto tutto ok, compreso l’inserimento in prima squadra di Tommaso Conti, centrale già in forza alla nostra Serie D”.

esultanza Prato
Dopo lo stop dei tornei di fine febbraio non siete ancora rientrati in palestra. Dalla prossima settimana cambierà qualcosa? “Dal 25 giugno contiamo di poter tornare ad allenarci in palestra. Siamo stati tra i primi a riprendere l’attività all’aperto e ci stiamo organizzando per ripartire anche al chiuso. Tutto questo nel rispetto assoluto delle norme sanitarie vigenti”.

Catalano in attacco
Quali spazi utilizzerete per la vostra fase 3? “Per il momento utilizzeremo la palestra dell’Istituto Comprensivo Filippino Lippi in via Taro. E’ l’impianto di cui abbiamo la gestione diretta ed è qui che possiamo lavorare in autonomia per mettere in atto tutte le misure previste dalle autorità per la ripresa delle attività indoor. Sfruttando la chiusura delle scuole, faremo ruotare qui tutti i nostri gruppi”. Come vi state organizzando? “Ci stiamo attrezzando per la sanitizzazione degli spazi e per definire percorsi in entrata ed in uscita separati. Oltre a questo faremo pause di 15 minuti alla fine dell’allenamento di ogni gruppo per pulire spazi e attrezzi per quello successivo. Inoltre stiamo dotandoci di un nebulizzatore che in orario notturno sanitizzi l’ambiente. A questo aggiungiamo che i ragazzi, già dotati di gel per le mani, non potranno utilizzare gli spogliatoi e che dovranno arrivare in palestra già vestiti da gioco. Per il momento, inoltre, stiamo evitando qualsiasi situazione di gioco che possa provocare eccessiva vicinanza o contatto tra atleti, come ad esempio la difesa ed il muro dove stiamo lavorando solo a livello individuale. Una volta che sarà dato il via agli sport di contatto, e speriamo che questo accada dal 25 giugno, potremo riprogrammare anche allenamenti normali su queste fasi di gioco. Insomma, stiamo lavorando per farci trovare pronti e per non sprecare neppure un giorno prima della pausa estiva e, speriamo, della ripresa definitiva a settembre”.

Rosa al completo per l’Ariete PVP

Dopo lo staff ecco la squadra. L’Ariete PVP ufficializza il roster per la prossima stagione. Una rosa fortemente ringiovanita, con l’innesto di ben quattro giovani del settore giovanile, ma che mantiene uno zoccolo duro di tutto rispetto composto da giocatrici esperte e di qualità come Bartolini, Filindassi e Morotti.

Bartolini con il fiocco rosso

Matilde Bartolini

Una spina dorsale solida intorno alla quale la società del Presidente Galeotti ha costruito la nuova squadra per la stagione 2020-2021 attraverso inserimenti mirati in tutti i reparti.

Partendo dal ruolo di opposto, il colpo si chiama Chiara Sborigi. Attaccante classe ’95 dal braccio importante e proveniente dall’esperienza in B2 alla Liberi e Forti. A lei toccherà dare sostanza all’attacco pratese e colmare una lacuna in fatto di potenza e pericolosità offensiva che nelle ultime stagioni ha penalizzato le prestazioni del PVP. A far coppia con lei la giovane Agnese Forasassi proveniente dal vivaio.

Novità anche al centro dove non ci sarà più Diletta Galli, approdata al Rinascita in B2, e dove rientra dall’esperienza a Buggiano la pratese Martina Legnini. A completare il reparto, assieme alla già citata Morotti, la giovane Vittoria Bardazzi.

Attacco Legnini

Legnini in attacco con la maglia dell’Ariete

In attacco, poi, accanto alla veterana Filindassi viene confermata Benedetta Scarpelli ma vengono aggiunte la giovane Silvia Fanelli, dal vivaio, mentre da Firenze, sponda Olimpia Poliri, arriva Alessia Montagni (classe ’96).

Infine, detto che nel ruolo di alzatrice accanto a Bartolini agirà la giovane Marta Mennini, del tutto nuovo è il reparto liberi dove Prato punta sul rientro di Silvia Nelli (classe ’94 da Sesto Fiorentino) e sull’innesto di Asia Ermini (classe ’99 ed ex Liberi e Forti).

Una nota su alcune atlete che non faranno più parte della rosa per la prossima stagione. La giovane opposto De Stefano, il cui cartellino è stato riscattato dall’Azzurra Volley, giocherà ad Agliana dove potrà crescere sotto le cure di coach Guidi. Per Golfieri, come per la già citata Galli peraltro,  si sono invece schiuse le porte della B2 con il passaggio al Rinascita Firenze.

“Abbiamo allestito una rosa che punta sempre di più su appartenenza e gioventù – dice il Presidente Fabio Galeotti – Affianchiamo a giocatrici esperte come Bartolini e Filindassi, la prima delle quali è oramai una pratese acquisita, quattro ragazze del nostro vivaio e classe 2003 e riportiamo a Prato una pratese DOC come Martina Legnini. Abbiamo definito una rosa che ci soddisfa anche se per capire dove potremo posizionarci dovremo vedere come si muovono le altre”.

Tra le novità della nuova rosa c’è il maggiore spazio dato alle giovani del settore giovanile.

“Il nostro vivaio sta crescendo e siamo felici del lavoro che lo staff tecnico sta portando avanti. Stiamo lavorando tutti in sinergia per far crescere i gruppi più giovani e per programmare per ogni stagione l’inserimento di nostre ragazze nella rosa della prima squadra”.

Insomma, pronti a ripartire anche se tra mille dubbi che certo non può essere il mondo del volley a sciogliere.

“Abbiamo definito staff tecnico e roster ma adesso siamo in attesa di capire se e come ripartiremo. Ancora oggi rimangono molti punti interrogativi sull’utilizzo e disponibilità degli impianti, sui protocolli e sulle regole da seguire. Insomma, attendiamo chiarimenti dalle autorità competenti e speriamo per il meglio”.

 

 

 

 

La rosa dell’Ariete PVP 2020-2021: Matilde Bartolini, Marta Mennini (palleggiatrici); Irene Morotti, Martina Legnini, Vittoria Bardazzi (centrali); Laura Filindassi, Benedetta Scarpelli, Alessia Montagni, Silvia Fanelli (attaccanti); Chiara Sborigi, Agnese Forasassi (opposto); Silvia Nelli, Asia Ermini (liberi).

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: